Una ventina di iscritti AMSES associati ASI, si sono radunati ai piedi di Campocatino per intraprendere un suggestivo cammino sulla neve con l’aiuto delle ciaspole.
L’organizzatore di questa ennesima avventura in montagna è di nuovo il Maestro Tony Lionetti, che con consueta pazienza e dedizione si è dedicato a tutti i partecipanti dell’evento, permettendo loro di raggiungere il primo punto stabilito: la Vela. 

…arrivati al fontanile ho potuto constatare un’acqua gelata. Ora inizia l’ultimo sforzo per scollinare dove anche il walk stentava a spingere. Finalmente intravedevo Campocatino con la sua monumentale Vela di cristallo… 

Ci si è poi incamminati tutti insieme verso la successiva tappa: Monte Crepacuore, più impegnativa, ma ancora più affascinante e ricca di incantevoli paesaggi innevati; da alcuni partecipanti è stata raggiunta in modo meno spedito, mentre da altri più celermente.
Questi ultimi sono stati anche i temerari che, insieme al prezioso aiuto del Maestro Tony e di Andrea Giordani, istruttore di arrampicata, hanno percorso 11,7 km in circa 5 ore di cammino, affrontando circa 700 metri di dislivello tra il luccichio della neve e il sole cocente.
Soltanto 3 persone, grazie ad un adeguato equipaggiamento, sono riuscite ad arrivare alla vetta del Monte Monna, a quota 1.952 metri s.l.m., chiudendo nel totale i circa 15 km di percorso. 
Gli altri, che hanno quasi raggiunto la vetta, sono tornati stanchi ma felici al rifugio, portando con loro la gratitudine verso la natura incontaminata con la quale sono venuti a contatto.
Circa un’ora e 40 minuti dopo, anche i tre temerari che sono riusciti ad arrivare in vetta, hanno raggiunto il rifugio. 
Con il ricordo di una splendida avventura alle spalle e con la speranza di partecipare quanto prima ad altre giornate indimenticabili come questa, ma sopratutto con un sorriso sincero sulle labbra e con la mente lontana dai pensieri, si è tornati tutti a casa.

Alla prossima Avventura AMSES! To be continue…

Articolo scritto e pubblicato sul sito dell’ASI NAZIONALE…(Guarda l’Articolo Originale)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *